“Sesso e nient’altro” (Essere diretti non migliora le cose)

Anche questa volta sono stato ospitato dai Demoni di EFP per recensire una storiella d’amore insulsa. Se volete farvi due risate in compagnia, sapete dove andare!

Demoni di EFP e Wattpad

Cesare scorse col dito la pulsantiera dell’ascensore e indicò un buco. «Chi è quel simpaticone che ha staccato il 69?».

Zenone spinse il pulsante 60. «Non lo so, ma spero che non abiti più qui».

La porta rimbalzò un poco contro il gancio metallico per poi chiudersi del tutto. Un piccolo altoparlante incastrato sull’angolo in alto si mise a gracchiare; a malapena si distinguevano le note di una vecchia musica da sala d’aspetto. L’accrocco iniziò a salire.

Zenone estrasse dalla tasca un mazzo con una dozzina di chiavi. «Quello Shade è stato fin troppo generoso a darci un appartamento praticamente gratis».

Cesare si grattò la testa. «Devo ancora capire come fai a non squagliarti dal nervoso davanti ai Recensori; e con che piglio hai raccontato la nostra… condizione».

L’ascensore si arrestò tra acuti stridii e la porta si aprì sbilenca. Zenone spinse fuori dall’abitacolo le due valigie. «Non puoi tremare…

View original post 5.990 altre parole

Bespoke Synth, ovvero un simpatico giocattolino musicale

Bentornati, avventori! In questo periodo avevo bisogno di giocare, di staccare la testa. E per fortuna ho trovato qualcosa di appropriato per stuzzicare il mio orecchio e tenermi impegnato nei momenti di noia. Si tratta di Bespoke, un programmino gratuito che permette di programmare modularmente della musica.

Continua a leggere “Bespoke Synth, ovvero un simpatico giocattolino musicale”

Appunti sopra il “personaggismo”

Bentornati, avventori!

Anche oggi metto da parte le stroncature di raccontini e libercoli e vi dedico qualcosa di intellettualmente piú rilevante, sperando che possa essere di vostro interesse. Vorrei, infatti, appuntare qualche considerazione personale e un corposo supporto altrui per fissare meglio una nuvola di pensieri nella mia testa che, se ci pensate, è una delle cause della mala scrittura — intendo scrittura di fanfiction. Continua a leggere “Appunti sopra il “personaggismo””

“Nurture” di Porter Robinson, ovvero un viaggio di carezze

Oltre a leggere libretti orrendi da stroncare, nella vita mi diletto anche in altri passatempi. Uno di questi è la musica, piú di preciso la musica elettronica. So che non è il genere preferito di molti, e anzi molti hanno ringraziato il cielo quando, dopo il 2016, l’elettronica ha ceduto il posto ad altri generi nella prima linea radiofonica. Cionondimeno vorrei condividere con voi qualche traccia degna di attenzione e, chissà?, magari farvi apprezzare qualcosa. Continua a leggere ““Nurture” di Porter Robinson, ovvero un viaggio di carezze”

“Time of Sex”, ovvero un buon motivo per una crociata (capp. 1 – 10)

Benvenuti, avventori! Essere di nuovo qui ad allietare la vostra serata è davvero un enorme privilegio; voglio ringraziarvi già da ora per la fiducia che avete riposto in me per essere tornati nonostante gli… inconvenienti dello spettacolo di Fanficcinopoli. Ma voi non siete qui per essere adulati: dobbiamo dare spettacolo! E io mi sono premurato di procurarvi una fanfiction terribile da cui non potrete staccarvi per un secondo, se non abbandonandovi a grasse risate per quanto sia sbilanciata e inappropriata. Dato che l’altra volta il povero Harry Styles ha rischiato di morire in uno scontro a fuoco, gli ospiti di oggi non possono che essere i Giovani Esploratori Antiproiettile, i BTS! Continua a leggere ““Time of Sex”, ovvero un buon motivo per una crociata (capp. 1 – 10)”

“Mrs Styles”, ovvero un anacronismo di nozze e sfruttamenti

Con molto piacere vi riporto la recensione che ho scritto per il Collettivo dei Demoni di EFP. Se avete voglia di un po’ di Harry Styles pazzo scatenato, allora non potete perderla!

Demoni di EFP e Wattpad

«Guarda il lato positivo, Vat: non ti hanno mai dato un camerino così bello!».

Vat voltò un foglio del blocco di appunti che teneva in mano. «Sarà, Zenny, ma è da quando siamo qui che non riesco a pensare ad altro che allo spettacolo. Mi sembra nuovo ogni volta che lo rileggo».

Zenny gli strappò il blocco di mano. «Datti una calmata, maledizione! Non hai mai fatto così tante storie per una cosa del genere». Richiuse il blocco e lo poggiò sul tavolino di rovere davanti alla seggiola di Vat. «Ora fa’ un bel respiro e preparati!».

Vat si alzò di scatto; fece un respiro profondo e si guardò allo specchio. «Mi aiuti a sistemarmi la cravatta?». Zenny gli mise una mano sulla spalla. «Vuoi parlarne, Cesare?».

Una lacrima scese dall’occhio sinistro di Vat, e si fece strada fino alle labbra strette dal nervoso. «Questa sera non è una cosa…

View original post 14.560 altre parole

“Un nuovo Dio”, ovvero la scalata di Kirby alla Catena dell’Essere

Benvenuti, avventori! Mettetevi pure comodi: il libro di cui vi racconterò oggi potrebbe farvi sobbalzare dalla sedia — e come si può sobbalzare dalla sedia senza una sedia? Il lounge bar in cui vi ho invitati ha comode poltroncine di pelle bruna, aria condizionata e bibite per tutti i gusti; e, se non sopportate quando vi appiccicate alle poltrone di pelle, ci sono sempre gli sgabelli alti a ridosso del bancone. Là dietro Zenone sta già preparando l’analcolico con cui possiate rifarvi la bocca prima di dover mandare giú l’impossibile per sopportare certe castronerie che sto per proporvi. Continua a leggere ““Un nuovo Dio”, ovvero la scalata di Kirby alla Catena dell’Essere”